Premiazioni XXII edizione del Premio Arte Martinengo

Premiazioni XXII edizione del Premio Arte Martinengo

Come ogni anni il centro storico di Martinengo si è colorato con le opere di artisti giunti da ogni dove. E’ questa la magia del “Premio Arte Martinengo” una storica manifestazione giunta alla sua XXII edizione che non smette di regalarci emozioni. Quest’anno erano circa 50 gli artisti in gara suddivisi in due sezioni (contemporanea ed estemporanea).  Vincitore della XXII edizione è Claudio Guattieri di Castelguelfo di Fontevivo (Pr) per la sezione estemporanea e Walter Marchese di Spinetta Marengo (Al) per la sezione contemporanea. In occasione del “Premio Arte”  da ormai 20 anni pittori e scultori sono chiamati nella bergamasca per rappresentare il borgo storico di Martinengo con colori, forme, luci e prospettive nuove per rendere immortale uno scorcio, una strada, un panorama del caratteristico borgo medievale con importanti premi in ogni sezione.
Gli artisti che hanno scelto di partecipare alla sezione contemporanea hanno potuto esporre fino a otto opere secondo tecniche e tematiche di propria scelta. Per quanto riguarda la sezione estemporanea ogni artista ha avuto a disposizione 7 ore (dalle 9 alle 16) per realizzare un’opera in tempo reale con a tema il borgo storico di Martinengo.

Alle 17.30 il tanto atteso momento delle premiazioni dopo l’accurata valutazione di un’apposita giuria che con professionalità e disponibilità ha decretato i vincitori.  Di seguito l’elenco dei vincitori e le relative motivazioni.

Motivazioni dei premi della sezione estemporanea

I classificato

Walter Marchese

Un’opera pittorica intensa per ductus ed emotività, che propone una testimonianza di Martinengo allusiva della agorà delle antiche polis, centro pulsante della città come comunità civile risalente alla eredità illuminista.

II classificato

Gianni Poma

Un dipinto condotto con matura e consapevole percezione della pittura attraverso cui, per eredità manetiana, il soggetto si fa esca vivente di una nuova e consapevole testimonianza di società civile.

III classificato

Romano Bertelli

Una festa cromatica che propone un dialogo tra una vita trascorrente e architettura in una sospensione emozionale che ferma il tempo e lo spazio in una dimensione di sogno.

IV classificato

Bartolomeo Spanò

Testimonianza di una sapienza pittorica incisiva e di una partecipe sfida a quell’élan vital (slancio vitale) bergsoniana che ha aperto la via a nuove indagini epistemologiche.

V classificato

Gian Manet

Un azzardo neobarocco condotto con un segno post-depisisiano che restituisce una vibrante natura come cornice di una inquadratura a cannocchiale su Martinengo.

Motivazioni dei premi della sezione contemporanea

I classificato

Claudio Guatteri

Per la singolare iconologia in grado di coniugare natura morta e paesaggio legandoli in una atmosfera pittorica irreale: felicitante risposta alle motivazioni del premio.

II classificato

Manuela Ciabatti

Questo interno con natura morta è un dipinto fresco, pulito, in grado di suscitare nuovi sguardi sulla realtà, ricordando anche la tradizione bergamasca che guardava agli artisti francesi tra il secondo Ottocento e la metà del Novecento.

III classificato

Marina Basaglia

Questa natura morta è opera che si distingue per ispirazione tematica e restituzione tecnico-pittorica.

Un ringraziamento anche allo staff della Pro Loco, alla biblioteca che per settimane lavorano alla parte organizzativa dell’evento, agli sponsor,  alla giuria che ha lavorato con professionalità e infine all’amministrazione comunale che con Regione e Provincia patrocina l’evento.